HISTORY | Roma - Sampdoria, da Voeller a Totti, da Cerezo a Mancini, da Montella e Pazzini - VIDEO

Toninho Cerezo - centrocampista, in Italia con le maglie di Roma e Sampdoria Toninho Cerezo - centrocampista, in Italia con le maglie di Roma e Sampdoria

Delle tre sfide che chiuderanno la 27° giornata del campionato di Serie A, una delle più affascinanti e sicuramente ricche di storia è Roma - Sampdoria. Tanti gli incroci tra le due società, da allenatori passati da ambo le parti e Claudio Ranieri è solamente l'ultimo esempio, tra allenatori e calciatori, che con fortune alterne hanno indossato sia la maglia giallorossa, che quella blucerchiata. Andiamo allora a ripercorrere le sfide storiche disputate allo Stadio Olimpico di Roma, tra una Coppa Italia alzata al cielo e uno Scudetto sfumato, in attesa del match di questa sera.

Partiamo dalla doppia Finale di Coppa Italia disputata nella stagione 1985/1986. La Roma era guidata da Sven Goran Eriksson, che successivamente sarebbe passato anche alla guida dei blucerchiati, oltre che della Lazio di Cragnotti. Per il tecnico svedese quello è il primo trionfo italiano, con andata disputata a Marassi e terminata 2-1 per la Sampdoria con gol di Mancini e Galia, mentre il timbro di Tovalieri tenne aperto il discorso. Il ritorno all'Olimpico vede infine la rimonta, con le reti decisive di Desideri e Cerezo (che in blucerchiato avrebbe vinto lo Scudetto qualche anno dopo).

ROMA - SAMPDORIA 2-0 (And. 1-2) (Finale Coppa Italia 1985/1986)

ROMA: Gregori, Oddi, Gerolin, Desideri, Lucci, Righetti, Graziani, Giannini, Pruzzo (37'st Impallomeni), Di Carlo, Tovalieri (40'st Cerezo). All.: Eriksson.

SAMPDORIA: Bordon, Mannini, Galia, Pari, Paganin, Pellegrini, Fiondella (11'st Lorenzo), Salsano, Francis, Matteoli, Mancini. All.: Bersellini.

MARCATORI: 43'pt Desideri (Rm), 44'st Cerezo (Rm)

 

Da una Finale di Coppa Italia all'altra, è ancora la Roma a trionfare nel 1990/1991. Contro la Sampdoria di Vujadin Boskov appena laureatasi Campione d'Italia (il tecnico serbo arriverà in seguito in giallorosso). La sfida d'andata è quella subito decisiva per la conquista della coccarda, con l'autogol di Pellegrini in apertura per l'1-0 dei giallorossi, pari di Katanec e gol decisivi di Berthold e Voeller su rigore. Lo stesso tedesco sempre al dischetto segnerà al ritorno, mentre l'autogol di Aldair non basterà alla Sampdoria. Da notare uno dei pochi calciatori ad aver vinto tre Scudetti con tre squadre diverse, Pietro Vierchowod (Roma, Sampdoria e Juventus).

ROMA - SAMPDORIA 3-1 (Rit. 1-1) (Finale Coppa Italia 1990/1991)

ROMA: Cervone, Pellegrini, Carboni, Berthold, Aldair, Nela, Desideri, Di Mauro, Voeller, Giannini (37′st Gerolin), Rizzitelli (31′st Muzzi). All.: Bianchi

SAMPDORIA: Pagliuca, Mannini, Katanec (39′st Bonetti), Pari, Vierchowod, Pellegrini L., Lombardo (39′st Invernizzi), Cerezo, Vialli, Mancini, Dossena. All.: Boskov

MARCATORI: 12′pt Pellegrini (Aut.), 29′pt Katanec (Sa), 35′pt Berthold (Rm), 40′pt Voeller (Rig.) (Rm)

 


Arriviamo in un'altra epoca e saltiamo temporalmente fino al 1996/1997. La più larga vittoria di sempre dei blucerchiati all'Olimpico di Roma. 3° Giornata di campionato, la Roma di Carlos Bianchi ospita appunto i blucerchiati di Eriksson. Il punteggio finale è 1-4, con vantaggio dei padroni di casa con Balbo e goleada finale blucerchiata, a segno vanno Aldair con autogol, Mancini e doppio Montella (che in giallorosso avrebbe vinto Scudetto e Supercoppa Italiana qualche anno dopo). Da notare anche Sinisa Mihajlovic, che dopo essere arrivato in Italia in giallorosso si trasferì a Genova, prima di approdare alla Lazio.

ROMA - SAMPDORIA 1-4 (stagione 1996/1997)

ROMA: Sterchele, Annoni, Trotta, Aldair, Lanna, Tommasi (25'st Dahlin), Statuto (17'st Moriero (33'st Di Biagio), Thern, Carboni, Balbo, Fonseca. All.: Bianchi

SAMPDORIA: Ferron, Balleri, Mannini, Mihajlovic, Evani, Karembu, Veron (54' Montella), Laigle (15'pt Franceschetti), Mancini, Iacopino, Carparelli (14'st Invernizzi). All.: Eriksson

MARCATORI: 9'st Balbo (Rm), 19'st Aldair (Aut. (Sa), 28'st Montella (Sa), 43'st Mancini (Sa), 45'st Montella (Sa)

 

Da Carlos Bianchi a Zdenek Zeman, i giallorossi si presentano nella stagione 1997/1998 con il tecnico boemo in panchina. Dall'altro lato, sarà l'ultima stagione per Vujadin Boskov. Il risultato è di 2-0 per i padroni di casa, a segno Totti e Del Vecchio.

ROMA - SAMPDORIA 2-0 (stagione 1997/1998)

ROMA: Chimenti, Cafu, Aldair, Petruzzi, Candela, Tommasi, Di Biagio, Di Francesco, Paulo Sergio (22’st Gautieri), Del Vecchio, Totti. All.: Zeman

SAMPDORIA: Ferron, Castellini, Mannini, Mihajlovic, Pesaresi, Vergassola, Boghossian, Salsano (17’st Biyk), Laigle, Montella, Paco Soares. All.: Boskov

MARCATORI: 24'pt Totti (Rm), 45'st Del Vecchio (Rm)

 

Passiamo alla stagione successiva e alla 21° giornata del campionato di Serie A 1998/1999. La Roma di Zeman piega i blucerchiati all'Olimpico per 3-1. A segno Fabio Junior in avvio e doppio Paulo Sergio nel finale, con il brasiliano decisivo. Nel mezzo il momentaneo pari di Lassissi. In panchina nei blucerchiati c'è un giovane Luciano Spalletti.

ROMA - SAMPDORIA 3-1 (stagione 1998/1999)

ROMA: Chimenti, Cafu, Zago, Aldair, Candela, Alenichev, Tommasi, Di Francesco, Delvecchio (74' Paulo Sergio), Fabio Junior (90' De Vezze), Totti. All.: Zeman

SAMPDORIA: Ferron (28'pt Ambrosio), Balleri (37'pt Zivkovic), Sakic, Grandoni, Lassissi, Castellini, Pecchia, Doriva, Laigle, Montella (81' Iacopino), Palmieri. All.: Spalletti

MARCATORI: 10'pt Fabio Junior (Rm), 15'pt Lassissi (Sa), 39'st Paulo Sergio (Rm), 43'st Paulo Sergio (Rm)

 

Chiudiamo con le ultime due sfide storiche e arriviamo al 2010. La doppietta di Pazzini dopo il vantaggio di Francesco Totti per giallorossi. Le opportunità di Scudetto che svaniscono per l'allora Roma di Claudio Ranieri, con tanto di ringraziamenti da parte dell'Inter di Mourinho, che quell'anno vincerà praticamente tutto.

ROMA - SAMPDORIA 1-2 (stagione 2009/2010)

ROMA: Julio Sergio; Cassetti (29’st Taddei), Juan, Burdisso, Riise; De Rossi, Pizarro; Menez, Perrotta (22’st Toni), Vucinic; Totti. All. Ranieri

SAMPDORIA: Storari; Zauri, Gastaldello, Lucchini, Ziegler; Semioli, Poli (1’st Tissone), Palombo, Guberti (1’st Mannini); Cassano (35’st Testardi), Pazzini. All. Del Neri

MARCATORI: 14'pt Totti (Rm), 7'st Pazzini (Sa), 40'st Pazzini (Sa)

 

Infine l'ultimo precedente è quello della scorsa stagione. Con poker secco dei giallorossi di Eusebio Di Francesco, poi esonerato e che ad inizio 2019/2020 era sulla panchina blucerchiata. Dall'altra parte c'era Giampaolo a cui in seguito al Milan, non è andata certamente meglio.

ROMA - SAMPDORIA 4-1 (stagione 2018/2019)

ROMA: Olsen; Florenzi, Manolas, Juan Jesus, Kolarov; Cristante, Nzonzi; El Kluivert (36'st Under), Lo. Pellegrini (33'PT Zaniolo), El Shaarawy; Schick (23'st Dzeko). All. Di Francesco.

SAMPDORIA: Audero; Bereszynski, Andersen, Colley, Murru; Praet (1'st Jankto), Vieira, Linetty (23'st Sala); Ramirez; Caprari (35'st Kownacki), Defrel. All. Giampaolo.

MARCATORI: 20'pt Juan Jesus (Rm), 14'st Schick (Rm), 27'st El Shaarawy (Rm), 44'st Defrel (Sa), 48'st El Shaarawi (Rm).

 

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       Fabrizio Consalvi

Rate this item
(0 votes)
Fabrizio Consalvi

Caporedattore - Giornalista Pubblicista dal 2015

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.